Casa di Deborah

Un luogo dove incontrasi, un luogo dove ricevere ascolto e dove essere aiutati. Un luogo dove stare bene, dove imparare, dove sentirsi utili.

Il progetto è nato da un’idea di Giuseppina Vellone. 

Giuseppina e Deborah hanno condiviso, per molti anni, lo studio in via Leoncino 23. Entrambe psicoterapeute impegnate, insieme, nei tribunali, dove si occupavano di famiglie lacerate.

Tra un caffè e l’altro o durante le pause pranzo nel loro studio non perdevano occasione per scambiarsi idee, confrontarsi. In questi momenti di scambio Deborah portava il vissuto dei bambini e dei ragazzi, mentre Giuseppina portava quello dei genitori: insieme cercavano delle soluzioni per queste famiglie che si affidavano a loro per riuscire a traghettare, nel migliore dei modi, un periodo di difficoltà.

Il benessere e la serenità dei bambini e dei ragazzi sono stati il fine condiviso da Giuseppina e Deborah per tutti gli anni che hanno lavorato insieme come psicoterapeute.

Insieme hanno tentato di dare strumenti agli adulti per bonificare le relazioni.

…e se cercassimo di prevenire il manifestarsi di faticosità relazionali e caratteriali? Se facessimo qualcosa per prevenire le difficoltà nascenti, invece che doverle affrontare quando, ormai, sembra essere troppo tardi?…

Nasce tutto da qui, dal desiderio di poter fare prima la differenza.

Alla luce di questo, Giuseppina, dà forma al progetto: la creazione di un luogo dove ragazzi e adulti potessero stare bene insieme, uno spazio “casa” dove ci si accompagna per un pezzo di strada. Il progetto viene presentato a sociologi, economisti e amministratori che riescono ad intravedervi un “senso”, riconoscendone il valore, la sostenibilità e la fattibilità.

Casa di Deborah nasce da qui, un luogo per dar voce prima di tutto ai ragazzi: accogliendoli, sostenendoli nello studio, facendoli avvicinare alla bellezza dell’arte, della musica, della lettura, semplicemente…una Casa che sa di buono.

All’inizio i ragazzi sono stati il volano all’inizio di questo sogno; oggi rimangono un elemento fondante del progetto ma, oltre a loro, ci sono degli adulti che hanno non solo il desiderio di stare insieme con i giovani, ma anche con i propri coetanei. Per sperimentare, tutti insieme, la circolarità feconda dell’accoglienza .

Questa è Casa di Deborah: “chi ha dona, chi non ha prende”.

Diario della settimana

La Casa è aperta dal lunedì al venerdì dalle 13.30 alle 18.30 con le seguenti attività:

  • Accoglienza e ascolto;
  • Studio assistito;
  • Corsi e laboratori (laboratorio di cucina, laboratorio di bricolage, corso di scrittura creativa, corso di disegno, corsi di musica individuali e di gruppo) 

La Casa è situata in Piazza Mura Gallieno, 5.

Lunedì – Giovedì
13.30 – 18.30

Arrivo dei ragazzi alla casa, dopo il suono dell’ultima campanella. Ogni studente arriva con il suo pranzo. Verso le 15.00 si comincia: c’è chi studia in autonomia, chi viene supportato da volontari nello studio, c’è chi, invece, prende parte ai corsi e laboratori che si tengono nel corso della settimana. Alle 16.30 tutti insieme, ragazzi e adulti, ci si concede una buona tazza di tè con la merenda, offerta da Gruppo Bauli. Alle 18.30 si spengono le luci, si lascia in ordine per il giorno dopo e tutti fanno ritorno a casa.

Venerdì
13.30 – 18.30

Si apparecchia il grande tavolo della taverna: è il giorno della “pranzata”.
Ragazzi, volontari, operatori ed ospiti pranzano tutti insieme. Si chiacchiera davanti ad un bel piatto di spaghetti fumanti.

Alle 16.30 ogni due settimane i ragazzi si riuniscono tutti intorno al tavolo per il momento del “caffè insieme”: un gruppo di parola, dove possono confrontarsi su temi a loro cari, uno spazio a loro dedicato per riflessioni e condivisioni.

Alle 18.30 i ragazzi rindossano gli zaini e si dirigono verso casa. A Lunedì!

Per le sue caratteristiche, Casa di Deborah è stata, dal 19 aprile 2023, accreditata dal Comune di Verona come ​comunità educativa diurna per minori ed adolescenti, e ha in essere una convenzione stipulata con l’Istituto Tecnico “Marco Polo” di Verona che commuta la sanzione disciplinare degli studenti in volontariato presso Casa di Deborah.

Scopri le attività della Casa di Deborah